Fobo

Scritto da Angelo D. :: [Domenica, 16 Ottobre 2016 13:02]
Recensione su Fobo

 

Copertina - Ed. Hollow Press

Una donna, nuda, lancia il suo sguardo guercio all'orizzonte, mentre un verme (o spermatozoo), munito di pistola, si addentra in una foresta... Questo è l'inizio di Fobo, opera di Gabriel Delmas pubblicata da Hollow Press nell'aprile 2016.

In queste settimane ho avuto modo di leggere recensioni e pareri su questo lavoro nell'intento di dare una lettura chiara e precisa del suo significato, ma l'unica conclusione a cui sono giunto è che Fobo rappresenta la metamorfosi nel suo profondo. Infatti ogni interpretazione era diversa e uguale allo stesso tempo, ogni recensore o appassionato dava una sua lettura ben definita.

Fobo racconta il viaggio di due esseri, uno dalle sembianze umane, di sesso femminile, e di un singolare "verme" con gambe e braccia. All'apparenza lontani, ma forse in realtà più vicini che mai, se non addirittura connessi tra loro.

Il verme pare addentrarsi in una foresta di alberi tutti uguali, la donna corre in lande spoglie, verso un promontorio. Ma non è che quel bosco in realtà non è di alberi, ma bensì di capelli?

Non c'è tempo per riflettere perché lo spermatozoo viene catturato e trascinato in una grotta profonda... grotta o testa dell'essere femminile? Perché il dubbio rimane, quello che per me può essere una grotta, per un altro lettore può benissimo essere la discesa nella mente e questa sensazione è il fulcro del fumetto stesso.

Gli esseri incontrati nel lungo vagare saranno con propria coscienza o facenti parte tutti del medesimo corpo? Non ci è dato saperlo perché tutto si fonde, si rimescola, cambia aspetto e la sensazione è che anche i ricordi vengano rimodellati, impastati, pronti per il nuovo essere nato dall'incontro/scontro.

Il viaggio infinito pare accorciarsi e dilatarsi, le forme cambiano ed anche le dimensioni subiscono alterazioni. L'alternarsi delle scene che mettono a confronto i movimenti dei due protagonisti inizialmente raccontano storie diverse per poi fondersi anch'esse in un tutt'uno.

fobo1

In un attimo esseri distinti e all'apparenza lontani si connettono integralmente, nel medesimo luogo. Cambia la prospettiva, il tempo pare trascorrere velocemente per poi fermarsi. Non esiste forse un solo mondo, ma molteplici, posti su più strati, distinti e poi interconnessi.

Difficile sintetizzare Fobo con poche parole, ancor più complicato spiegare brevemente cosa rappresenta, ma ci proverò.

Fobo è il continuo mutamento, che non si ferma mai e che non si preclude alcun finale perché caratterizzato dall'assenza di qualsiasi tipo di barriera, sia fisica che mentale.

Fumetto muto, si propone per quel pubblico di nicchia che ama le opere riflessive, il cui punto di forza è l'enorme libertà d'interpretazione che il lettore può dare. Astenetevi se siete in cerca di un'opera in cui viene spiegato per filo e per segno ogni minimo passaggio perché in Fobo l'unica cosa certa è il dubbio che assalirà il lettore mentre cerca di capire cosa sta succedendo nel susseguirsi di tavole.

L'edizione Hollow Press consiste in un brossurato a colori, di 64 pagine (carta da 140g), in formato 15 x 21 cm. Il prezzo è di € 10,00 per una edizione di ottima qualità.

All'interno del volume troverete una introduzione di Xavier Löwenthal ed a fondo volume, una poesia di David Calvo.

Angelo D. Ascani

Hits 370 views
Categorie Recensioni

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna